Ambarabà RicicloClò 2016

CONDIVIDIShare on Facebook84Tweet about this on Twitter

immagine sito

Si è conclusa l’edizione 2016 di Ambarabà Ricicloclò – La Filastroccola, progetto per le scuole che quest’anno si è rivolto sia alle primarie che alle secondarie di primo grado su tutto il territorio nazionale, coinvolgendo oltre quattromila studenti.

L’iniziativa, realizzata dalla rivista ANDERSEN e promossa da RICREA – Consorzio Nazionale Riciclo e Recupero Imballaggi Acciaio, quest’anno proponeva la composizione di una storia in versi ottonari in rima baciata (AA, BB) alla maniera di Sergio Tofano per il suo Signor Bonaventura e di tanti altri autori attivi sul Corriere dei Piccoli.

Una sfida a colpi di metrica per raccontare l’avventura degli imballaggi in acciaio (barattoli, scatolette, tappi fusti e bombolette) che, se opportunamente separati dal resto dei rifiuti, sono riciclabili all’infinito e in grado di essere trasformati in nuovi riprodotti, con le stesse caratteristiche e proprietà.

I vincitori di questa edizione sono risultati:

SCUOLA PRIMARIA
classe III B della scuola D. Savio di Fagagna (UD)

1. Qui comincia l’avventura/ dell’acciaio che perdura/ mille volte trasformato/ se per bene riciclato.// 2. Nel negozio di mio nonno/ scatolette di buon tonno./ Stanno bene allineate/ pronte ad essere acquistate.// 3. Quando arrivano tre cuoche,/ non ne comprano poi poche…/ tanti bimbi han da sfamare/ van la pasta a cucinare.// 4. “PASTALTONNO”  già servita!/ C’è chi si lecca le dita/ e in cucina, accatastate/ scatolette… già sciacquate!// 5. Perché la differenziata/ nella scuola è praticata./ Da bambini, insegnanti/ e da cuoche con i guanti.// 6. E così le scatolette/ vengon messe strette strette./ Con l’acciaio, nel bidone/ in allegra confusione,// 7. fino all’acciaieria/ dove avviene una magia:/ prendon forma biciclette/ dalle “sciolte” scatolette.// 8. Una forma poi un’altra/ il riciclo è mossa scaltra/ un percorso circolare/ per rinascere e tornare.

classe IV A della scuola primaria di Bagnolo Mella (BS)

1. Qui comincia l’avventura/ dell’acciaio che perdura/ mille volte trasformato/ se per bene riciclato.// 2. Fido cerca la cenetta:/ come trema, Scatoletta!/ Essa teme la tortura/ di finire spazzatura.// 3. Fa Pierino, previdente,/ un’azione intelligente:/ al rifiuto, separando,/ un futuro sta donando.// 4. Lei fra bombole e bidoni/ versa grossi lacrimoni …/ Poi si sente trasportare/ e la smette di frignare.// 5. Dal calore trasformata,/ saggiamente riciclata,/ divien parte, Scatoletta,/ di una nuova bicicletta.// 6. Mille vite può sognare,/ molte cose diventare:/ un cucchiaio da cucina,/ poi magari una panchina,// 7. un binario del trenino,/ il cancello del giardino,/ un lampione del vialetto,/ un bellissimo fioretto…// 8. Una forma poi un’altra/ il riciclo è mossa scaltra/ un percorso circolare/ per rinascere e tornare.

classe III D della scuola primaria Papa Giovanni XXIII -3° circolo didattico di Trani (BT)

1. Qui comincia l’avventura/ dell’acciaio che perdura/ mille volte trasformato/ se per bene riciclato.// 2. Una bella bomboletta/ per Simone era perfetta/ piena di vernice spray/ lui le disse: “Vieni,dai!// 3. Un graffito ho preparato/ per quel muro rovinato,/ lo rendiamo assai vivace:/ colorato a tutti piace!”// 4. Ma che bel capolavoro;/ ciò che han fatto vale oro!/ Bomboletta terminata,/ finirà differenziata!// 5. Grazie a questo ragazzino/ presto dentro un magazzino./ Ci sarà un oggetto “ghiotto”,/ un prezioso riprodotto.// 6. Che sorpresa, che stupore:/ ma che oggetto di valore!/ Scocca d’auto diventata/ e suo padre l’ha comprata!// 7. Differenzia bene bene/ se lo fai poi ti conviene:/ trasformare  intelligente/ e fa bene anche all’ambiente.// 8. Una forma poi un’altra/ il riciclo è mossa scaltra/ un percorso circolare/ per rinascere e tornare.

SCUOLA SECONDARIA
classe II E della scuola Pomarici Santomasi di Gravina (BA)

1. Qui comincia l’avventura/ dell’acciaio che perdura/ mille volte trasformato/ se per bene riciclato.// 2. La creativa bomboletta/ spruzza, sì, la tavoletta./ Tra le mani del pittore/ va su e giù con il colore.// 3. Ora tutta consumata/ sembra pure ammaccata./ La vernice finita./ Che sarà della sua vita?// 4. Si ritrova in cantina/ dove arriva Mrs. Tina./ È una brava tuttofare/ dal talento esemplare.// 5. Un bel lume ha in mente/ taglia e incolla abilmente./ E l’aiuta dottor Mastro/ ma combina un disastro!// 6. La lattina  sfregiata/ la sua fine è segnata./ Per fortuna riciclata/ or acciaio è ritornata.// 7. Che sorpresa la fusione!/ Viva la trasformazione./ Da bomboletta a lampione/ un finale da campione!// 8. Una forma poi un’altra/ il riciclo è mossa scaltra/ un percorso circolare/ per rinascere e tornare.

classe II E della scuola G. Bresadola di Trento

1. Qui comincia l’avventura/ dell’acciaio che perdura/ mille volte trasformato/ se per bene riciclato.// 2. Mille e più i tappi corona/ che Michele colleziona/ di una radio innamorati/ sono i mille tappi usati.// 3. Il figliolo di Michele/ con i tappi  ben crudele:/ coi righelli e con le colle/ saltan tutti come molle!// 4. Mille tappi saltellanti/ nel riciclo ancor tremanti/ ha buttato il buon Michele,/ stufo ormai di lamentele.// 5. Con un camion lesto lesto/ in fucina arrivan presto./ Ecco la trasformazione:/ tanti tappi in un lampione!// 6. Sulla strada quella luce,/ ma dov’è che ci conduce?/ Da una certa radiolina/ situata li, vicina…// 7. Or felici sempre stanno/ ed a lungo insiem vivranno/ Oh, che bello stare insieme/ col riciclo ci conviene! // 8. Una forma poi un’altra/ il riciclo è mossa scaltra/ un percorso circolare/ per rinascere e tornare.

classe I B della scuola Felice Chiarle di Peschiera del Garda (VR)

1. Qui comincia l’avventura/ dell’acciaio che perdura/ mille volte trasformato/ se per bene riciclato.// 2. Con la plastica raccolto/ viene poi pescato e tolto/ da una grande calamita/ che lo fa tornare in vita.// 3. Non scordiamo, che un metallo/ ma val come l’oro giallo,/ si può fondere e formare/ lo possiamo reinventare.// 4. Ripulito dalle scorie/ incomincian nuove storie./ Con lo stagno vive spesso/ ma con rane non c’è nesso.// 5. Tappi e fusti riciclati/ e per bene lavorati/ già divengon d’auto i pezzi/ rivenduti a minor prezzi.// 6. Con barattoli e lattine/ la raccolta non ha fine./ Un fioretto si può fare/ ed a scherma poi giocare.// 7. Siderurgico è il settore/ e di armi produttore./ Nelle guerre l’hanno usato/ or per pace riciclato. // 8. Una forma poi un’altra/ il riciclo è mossa scaltra/ un percorso circolare/ per rinascere e tornare.

Oltre ai sei vincitori sono stati segnalati anche i lavori di cinque classi della scuola primaria e cinque della scuola secondaria di primo grado.

Scuola primaria
IC Cogorno Scuola Rocca, classe 2, Cogorno (GE)
IC Rivalta Scuola Strevi, classe 3A, Strevi (AL)
IC Don Bosco Scuola Grandi, classe 4B, Tolentino (MC)
Scuola Di Donato, classe 3D, Roma
Scuola Bauer, classe 4B, Cinisello Balsamo (MI)

Scuola secondaria di primo grado
Scuola Bedonia, classe 1 B, Bedonia (PR)
IC Murmura, classe 1F, Vibo Valentia
IC Bolzaneto Scuola Media Gaslini, classe 1B, Genova
Scuola Dante Alighieri, classe 2P, Torino
IC 4 Matera classe 1A, Matera
 
La riunione di giuria, i vincitori, la mostra con le rielaborazioni grafiche di Enrico Macchiavello

 

CONDIVIDIShare on Facebook84Tweet about this on Twitter